Portale Trasparenza ASL 1 Abruzzo - U.O.S.Accesso e Valutazione per i percorsi assistenziali sociali e sanitari

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Articolazione degli uffici

U.O.S.Accesso e Valutazione per i percorsi assistenziali sociali e sanitari

Responsabile: ACITELLI PIERLUIGI
Struttura organizzativa di appartenenza: Distretto Sanitario 1 Area L'Aquila

Punto Unico di Accesso

L'accesso alle Cure Domiciliari avviene attraverso il P.U.A. definito come una modalità organizzativa concordata tra Distretto ed Ambito Sociale, ed ha come obiettivi:

  • Garantire ai Cittadini ed agli Operatori una porta unitaria di accesso ai servizi socio-sanitari del territorio
  • Garantire una capillare azione informativa sui percorsi assistenziali, sociali e socio-sanitari anche mediante attivazione di numero verde
  • Garantire l'invio all'UVM per la valutazione del bisogno e per l'eventuale presa in carico
  • Garantire la continuità del percorso assistenziale
  • Garantire la semplificazione delle procedure amministrative

Il P.U.A. Può essere attivato, tramite diverse modalità di comunicazioni, da:

  • Singolo Cittadino o familiare
  • Medico di medicina generale o Pediatra di libera scelta (Allegato)
  • Servizi sociali
  • Servizi sanitari  
  • Servizi istituzionali 
  • Servizi non istituzionali 

Il P.U.A. provvede :

  • Accettazione dell’istanza
  •  Istruttoria della pratica
  • Restituzione dell’autorizzazione agli utenti (accesso riabilitazione ex art.26)
  • Inserimento nelle liste di attesa per il ricovero in R.S.A./R.P. con eventuale precedenza nella lista già in essere per situazioni di urgenza definite dalla U.V.M.

 

 

L'U.V.M., unica per il Distretto e costituita da una equipe multidisciplinare di professionisti sanitari e sociali coordinati dal Direttore del Distretto o da un suo delegato, è preposta  alla valutazione multidimensionale del bisogno dell’utente con l’utilizzo dello strumento di valutazione individuato dalla Regione  per l’accesso alle prestazioni sanitarie e socio sanitarie e in particolare:  

 

  • accesso alle prestazioni di riabilitazione ex art. 26 L.833/78 (ambulatoriali, residenziali, semiresidenziali, extramurali e domiciliari), alla medicina riabilitativa  cod. 56 (per i soli casi previsti dalla normativa vigente),

     

  •  accesso  alle strutture psichiatriche residenziali e semiresidenziali (previa autorizzazione del Direttore del Dipartimento di Salute Mentale per gli adulti o del Direttore del Dipartimento Materno-Infantile per i minori)

     

     

  •  accesso alle strutture residenziali e semiresidenziali (R.S.A. – R.P.) per anziani non autosufficienti, disabili adulti e demenze

 

  • raccordo con i dirigenti medici delle Unità Operative ospedaliere e delle Strutture private convenzionate per le dimissioni protette
     
  •  ammissione all'Assistenza Domiciliare Integrata per i casi complessi e all'elaborazione del Piano Assistenziale Individualizzato (PAI) per essi;

 

  • accertamento, quando previsto dalle normative vigenti, dei requisiti socio-sanitari richiesti per usufruire di servizi assistenziali e benefici erogati dall' Ente di Ambito Sociale a favore di soggetti non autosufficienti attraverso un progetto assistenziale personalizzato

     

     

     

PROCEDURA: ASSISTENZA PROTESICA

 

Sono erogabili Presidi, ortesi ed ausili contenuti nel Nomenclatore Tariffario allegato al D.M. 332/99 secondo i limiti e le modalità ivi previste   e sono rivolte ai cittadini residenti,   appartenenti alle seguenti categorie protette:

 

  •  Invalidi civili, di guerra e per servizio, privi della vista e sordomuti  esclusivamente per i presidi correlati alla menomazione permanentemente riconosciuta dalla competente commissione (gli invalidi per lavoro usufruiscono dell’assistenza protesica erogata dall’INAIL, relativamente alle patologie riconosciute dall’INAIL,  e pertanto non hanno diritto alla fornitura di dispositivi erogata dal S.S.N.)
  • I minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura e riabilitazione di una invalidità permanente.

 In tali casi non è necessaria la condizione di invalidità civile accertata

  • Laringectomizzati, tracheostomizzati, ileo-colostomizzati e urostomizzati, portatori di catetere permanente,  affetti da incontinenza stabilizzata.

In tali casi anche in assenza di invalidità accertata, previa presentazione della certificazione medica specialistica. Verrà autorizzata una fornitura per un periodo massimo di un anno.

Donne che abbiano subito un intervento di mastectomia (per la richiesta di protesi mammaria); cittadini che abbiano subito un intervento demolitore sull’occhio (per la richiesta della protesi oculare) e gli amputati di arto (per le protesi).

In tali casi non è necessaria la condizione di invalidità accertata ma è sufficiente la richiesta dello specialista  che attesti l’intervento effettuato e il dispositivo necessario.      

  • Individui in attesa di accertamento dell’invalidità civile nella sola ipotesi in cui siano non autosufficienti (soggetti impossibilitati a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o che, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, abbisognano di assistenza continua).
  • Sono  esclusi dall’assistenza protesica a carico del S.S.N. gli assistiti affetti da patologie temporanee.

 

 

 PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA : Documenti da presentare

Domanda per la prestazione di assistenza protesica (allegato)

Prescrizione Medica Specialistica (allegato)  redatta, ai sensi dell’art.4,comma 2, D.M. 332/99, da un medico specialista operante in struttura pubblica  .

 

Preventivo di spesa  rilasciato da una Sanitaria/Farmacia autorizzata alla fornitura dei presidi ed ausili  

 

   copia verbale della Commissione Medica per l’accertamento dell’invalidità civile o se in attesa di accertamento dell’invalidità (pazienti non autosufficienti), copia del certificato allegato alla  domanda per l’accertamento dell’invalidità con attestazione di avvenuto inoltro on-line all’INPS

consenso per il trattamento dei dati personali e sensibili ai sensi del d.lgs. n. 196/2003 (allegato )

 

COLLAUDO

Per i presidi non acquistati direttamente dalla ASL l’utente, dopo la consegna di quanto autorizzato da parte della sanitaria/farmacia  scelta , entro 20 giorni  è tenuto a sottoporre lo stesso a collaudo da parte  del medico prescrittore o da un medico della sua U.O.. Quindi dovrà essere consegnata all’ufficio della ASL che ha rilasciato la autorizzazione  la dichiarazione di avvenuto collaudo

 

 

RICEVIMENTO RICHIESTE

Le richieste  vengono ricevute dall’ Ufficio competente per Distretto di residenza, nei seguenti  giorni ed orari di apertura al pubblico:

  1. Ufficio Protesica distretto area AQ – Ex Onpi via Capo Croce 1

    Dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00

     

     

                       

Contatti

Telefono: 0862 368981-851-823-696-950
Fax: 0862 368914 - 949
Indirizzo: Via Capo Croce, 1, L'Aquila, Provincia dell'Aquila, 67100, Abruzzo, Italia

Orari al pubblico

Dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore 14.00 per il P.U.A.
dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10 alle ore 13.00 per la Protesica

Come raggiungerci

Apri indirizzo su Google Maps
Contenuto inserito il 18-03-2017 aggiornato al 18-03-2017
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Via Saragat, localitÓ Campo di Pile - - 67100 L'Aquila (AQ)
PEC protocollogenerale@pec.asl1abruzzo.it
Centralino 08623681
P. IVA 01792410662
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza Ŕ sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it