Portale Trasparenza ASL 1 Abruzzo - AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER L’ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 1 DIRIGENTE MEDICO, DISCIPLINA DI MEDICINA LEGALE PRESSO LA U.O.C. MEDICINA LEGALE ASL AVEZZANO, SULMONA, L’AQUILA INDETTO CON DELIBERAZIONE N. 293 DEL 14.02.2020. PUBBLICAZIONE GRADUATORIA.

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Bandi di concorso

AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER L’ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 1 DIRIGENTE MEDICO, DISCIPLINA DI MEDICINA LEGALE PRESSO LA U.O.C. MEDICINA LEGALE ASL AVEZZANO, SULMONA, L’AQUILA INDETTO CON DELIBERAZIONE N. 293 DEL 14.02.2020. PUBBLICAZIONE GRADUATORIA.

esiti
Data di pubblicazione: 22-06-2020
Ufficio di riferimento: U.O.C. Personale

Criteri di valutazione

ESTRATTO DEL VERBALE DELLA COMMISSIONE ESAMINATRICE  DEL 28.05.2020

 

Successivamente la Commissione prende atto del “Regolamento aziendale sulle procedure selettive per il conferimento di incarichi a tempo determinato e per gli incarichi ai sensi dell’art. 15 septies del D.Lvo n. 501/1992 e s.m.i.” approvato con Deliberazione n. 1598 del 27.08.2018”, di seguito denominato “Regolamento Aziendale” il quale prevede ai fini della selezione dei candidati, unitamente alla valutazione dei titoli,  un colloquio tendente ad accertare le capacità tecnico-professionali degli stessi, come specificati nel bando di indizione. Come espressamente disciplinato dall’art. 4  “Criteri di valutazione dei candidati” e dall’art. 6 relativamente all’ “Ammissione dei candidati ed espletamento del colloquio”, il colloquio verrà effettuato in via preliminare e la valutazione dei titoli verrà effettuata per i soli candidati che avranno superato il colloquio.  Prende atto, altresì, delle modalità e delle norme che disciplinano lo svolgimento della procedura concorsuale dettate dal D.P.R. n. 483 del 10.12.1997, più in particolare, delle norme riguardanti i punteggi relativi ai titoli a disposizione della Commissione, i titoli valutabili, i criteri di valutazione degli stessi con riguardo agli artt. 11, 20, 21, 22, 23 e 27 del D.P.R. n.483/97 e delle norme in essi richiamate.

Con riguardo alla valutazione dei titoli, la Commissione prende atto che, ai sensi del precitato art. 4 del Regolamento Aziendale, in analogia alle disposizioni di cui al richiamato  D.P.R. n. 483/97, art. 27, che i punti complessivi a disposizione nella misura di 20 (venti), sono ripartiti come segue:

titoli di carriera:                                                 punti 10 (dieci)

titoli accademici e di studio:                  punti 3 (tre)

pubblicazione e titoli scientifici:                         punti 3 (tre)

curriculum formativo e professionale:     punti 4 (quattro)

 

Con riguardo ai titoli di carriera, si richiama il parere espresso dal Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali-Dipartimento Direzione Generale-nota prot.n.0017806-P- 11.3.2009, DGRUPS/1.8.d.n.I.1/1, in ordine al computo della specializzazione oggetto del concorso a dirigente medico tra i titoli di carriera, così come previsto dall’art.45 del D.Lgs. n.368/99 che ha parzialmente modificato la normativa relativa alle specializzazioni.

In particolare, precisa il suddetto parere, “l’art.45 del citato D.Lgs. n.368/99, per le specializzazioni stabilisce una nuova modalità di attribuzione del punteggio per i periodi di formazione specialistica. Tale nuova modalità innova il D.P.R. n.483/97 e si applica a tutte le specializzazioni conseguite sulla base del D.Lgs. n.257/91 o del D.Lgs. n.368/99, considerato che le modalità formative (tempo pieno e esclusività) non differiscono sostanzialmente…..omissis….rimane il riferimento all’art.27, comma 4, lettera a), sub 1,2,3,4 e lettera b) del D.P.R. 483/97, al fine del computo del punteggio”.

La Commissione, per le considerazioni di cui al precitato parere, procederà, quindi, a valutare tutti i periodi di formazione specialistica tra i titoli di carriera con il punteggio di 0,50 per anno (posizione iniziale di cui al succitato art.45) maggiorato del 20% per il tempo pieno, ossia:

-specializzazione nella disciplina oggetto dell’avviso ovvero in disciplina equipollente:

punti 0,50 + 20% tempo pieno per anno di corso;

-specializzazione in disciplina affine:

punti 0,50 ridotto del 25% + 20% tempo pieno per anno di corso;

-specializzazione in altra disciplina:

punti 0,50 ridotto del 50% + 20% tempo pieno per anno di corso.

 

Relativamente all’art. 20 del D.P.R. 483/97 (equiparazione dei servizi non di ruolo al servizio di ruolo) ed in particolare al comma 2 dell’articolo, la Commissione prende atto delle disposizioni di cui all’art.2050 del D. Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 (Codice dell’ordinamento Militare), il quale stabilisce che:

i periodi di effettivo servizio militare, prestati presso le Forze armate sono valutati nei pubblici concorsi con lo stesso punteggio che le commissioni esaminatrici attribuiscono per i servizi prestati negli impieghi civili presso enti pubblici, solo se il servizio è effettuato in pendenza di rapporto di lavoro.

Pertanto, il servizio militare/civile, svolto in costanza di rapporto di lavoro, viene valutato con il punteggio previsto per il profilo professionale ricoperto nel rapporto di lavoro in essere.

 

Successivamente stabilisce che tra i titoli accademici e di studio verrà valutato quanto segue:

 

titoli accademici e di studio – max 3 punti

Dottorato di ricerca nella disciplina oggetto dell’avviso

1,000

Dottorato di ricerca nella disciplina del medesimo gruppo

0,500

Ulteriore specializzazione ex art. 27 co.5  lett.a), b) ,c), d)  D.P.R. 483/97 (non conseguita ex D.Lgs. 257/1991 e D.Lgs. 368/1999)

 

Altre lauree, oltre quella richiesta per l’ammissione all'avviso comprese tara quelle previste per l’appartenenza al ruolo sanitario (punti 0,50 fino ad max di punti 1,00)

 

 

Passa, quindi, a stabilire i criteri di valutazione del curriculum formativo e professionale e delle pubblicazioni e titoli scientifici.

Per quanto concerne le pubblicazioni la Commissione stabilisce di procedere alla valutazione delle stesse secondo i criteri di cui all’art.11, lettera b) del D.P.R. n.483 in data 10.12.1997, pertanto:

- non saranno valutate le pubblicazioni delle quali non risulti l’apporto del candidato;

- per la valutazione delle pubblicazioni si terrà conto della originalità della produzione scientifica, della continuità e dei contenuti dei singoli lavori, del grado di attinenza dei lavori stessi con la posizione funzionale da conferire;

 -si asterranno dalla medesima valutazione e relativamente ai singoli lavori, i componenti della Commissione che risultino collaboratori dei lavori stessi.

Pertanto, in considerazione dei suesposti parametri e requisiti si attribuiranno i punteggi come di seguito indicati:

 

Punteggi per pubblicazione e titoli scientifici  - max punti 3

 

 

Editoria su riviste di rilievo internazionale (indexate):

unico autore o primo autore

max p. 0,200

 

 

Editoria su riviste di rilievo internazionale (indexate):

coautore

max p. 0,160

Editoria su riviste nazionali

primo autore unico autore

max p. 0,150

 

 

Editoria su riviste nazionali

coautore

max p. 0,100

 

Abstract/poster/comunicazioni

max p. 0,050

 

Capitoli su libri/autore/coautore

max p. 0,300

 

                             

 

Per quanto riguarda il curriculum formativo e professionale la Commissione stabilisce che non verranno valutate le borse di studio conferite durante il conseguimento del diploma di laurea o di specialistica, né frequenze effettuate prima del conseguimento del requisito. Per quanto concerne le partecipazioni a congressi, convegni, corsi di aggiornamento, seminari verranno valutate quelle che, a giudizio della Commissione, abbiano finalità di formazione e di aggiornamento professionale e di avanzamento di ricerca scientifica, comunque attinenti alla disciplina oggetto dell’avviso. Non saranno  valutate le idoneità conseguite in precedenti concorsi.

Si stabilisce, inoltre, che non verranno valutate attività svolte in qualità di medico di guardia, di medico convenzionato di medicina generale e pediatria, di medico prelevatore. Altresì non verranno valutate attività  di medico fiscale, di medico addetto alla medicina dei servizi, di medico componente o presidente delle commissioni per l’accertamento dell’invalidità civili, se effettuati in attualità di servizio. Non saranno altresì valutate la qualifica di membro, segretario, presidente di associazione o società, i certificati laudativi, le tesi di laurea e di specializzazione, a meno che queste ultime non siano oggetto di pubblicazione su riviste scientifiche.

La Commissione rileva dal bando che tutti i documenti devono essere prodotti in originale o in copia autenticata ai sensi di legge ovvero autocertificati nei casi e nei limiti previsti dalla normativa vigente e che le pubblicazioni devono essere edite a stampa.

I relativi documenti dovranno essere rilasciati dalle competenti autorità, pena la non valutazione.

La Commissione stabilisce, altresì, i seguenti criteri di massima integrativi di quanto già sovra riportato:

 

attestati

punti

Partecipazione a congressi, convegni, seminari, corsi d’aggiornamento:

 

- di durata inferiore a 1 settimana

0,010

- di durata pari o superiore a 1 settimana

0,030

- di durata inferiore a 1 settimana, con esame finale

0,050

- di durata pari o superiore a 1 settimana, con esame finale

0,100

- come relatore o comunicatore

0,050

Attestato di formazione manageriale

0,500

Servizio in qualità di medico specialista presso strutture pubbliche o strutture convenzionate o accreditate con contratto di co.co.co o a rapporto di convenzione:

             -nella disciplina o disciplina equipollente (p.a) 0,200

             -in disciplina affine (p.a) 0,100

 

 

 

0,200

0,100

Attività libero-professionale presso strutture pubbliche o strutture convenzionate o accreditate:

             - nella disciplina o disciplina equipollente (p.a.) 0,150

              - in disciplina affine (p.a.) 0,075

 

0,150

0,075

Attività libero-professionale o a rapporto di convenzione presso case di cura non convenzionate o non accreditate:

             - nella disciplina o disciplina equipollente (p.a.): 0,100

              - in disciplina affine (p.a.): 0,050

 

 

0,100

0,050

Attività espletata a seguito di conferimento di borsa di studio nella disciplina, non connessa al conseguimento di titoli oggetto di separata valutazione (p.a.)

 

 

0,100

Master II° liv. Nella disciplina oggetto dell’avviso

0,300

Master II° liv. Nella disciplina del medesimo gruppo

0,150

Master I° liv. Nella disciplina oggetto dell’avviso

0,200

Master I° liv. Nella disciplina del medesimo gruppo

0,100

Incarico di insegnamento, nella disciplina, presso:

 

- scuole di specializzazione o corsi laurea magistrale (p.a.a.)

0,200

- corsi di laurea triennali per professioni sanitarie (p.a.a.)

0,100

- altri corsi in materia sanitaria (p.a.)

0,050

Stage in reparti o strutture estere (p.a.)

0,500

Servizio in qualità di medico dipendente nella disciplina presso case di cura non convenzionate o accreditate, valutato per il 10% della sua durata come servizio prestato presso ospedali pubblici nella posizione funzionale iniziale della categoria d'appartenenza (p.a.)

 

 

 

0,500

Altri titoli non compresi nella presente elencazione e non riconducibili ai suddetti titoli

max 2,000

 

La Commissione stabilisce altresì che gli arrotondamenti di punteggio dopo la virgola saranno effettuati alla terza cifra decimale (per eccesso se la cifra successiva alla terza è maggiore di 5 e per difetto se tale cifra è minore od uguale a 5)

Con riguardo alla valutazione del colloquio, tendente ad accertare le capacità tecnico-professionali dei candidati e vertente sugli  argomenti come indicati nel bando di indizione, vale a dire: ambiti operativi della Medicina Legale nel S.S.N.; la Responsabilità professionale; degli Operatori Sanitari; Patologia Forense; la sicurezza delle cure ed il Risk Management). La Commissione prende atto che i punti complessivi a disposizione per la valutazione dello stesso, stabiliti dall’art. 4 del Regolamento Aziendale, in analogia a quanto previsto dal D.P.R. 483/1997, sono 20 punti e che il superamento del colloquio è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 14/20. La Commissione ritiene di dover attribuire un giudizio globale alla prova esprimendo e graduando tale giudizio con un punteggio complessivo, tenendo conto competenza specifica, capacità sintetica e chiarezza espositiva sulle argomentazioni oggetto della prova.

Numero dipendenti assunti: 0

Allegati

Allegato: pubblicazione graduatoria a.p. Medicina Legale.pdf (22/06/2020 - 85 kb - pdf) File con estensione pdf
Contenuto inserito il 22-06-2020 aggiornato al 25-06-2020
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Via Saragat, località Campo di Pile - - 67100 L'Aquila (AQ)
PEC protocollogenerale@pec.asl1abruzzo.it
Centralino 08623681
P. IVA 01792410662
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza è sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it