Portale Trasparenza ASL 1 Abruzzo - CURE RESIDENZIALI Area L'Aquila

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

CURE RESIDENZIALI Area L'Aquila

Responsabile di procedimento: GIUSTI ALDO
Responsabile sostitutivo: SANTILLI TONIO

Descrizione

Accesso, eventuali proroghe e dimissione.

Le prestazioni Residenziali erogate nel comprensorio Distrettuale area L'Aquila vengono richieste di norma dal Medico di Medicina Generale / Pediatra di Libera Scelta (di seguito MMG / PLS), per i pazienti che si trovano presso il proprio domicilio, o dallo specialista dell'Ospedale (o Casa di Cura privata) per i pazienti ricoverati in "dimissione protetta", il tutto mediante apposita modulistica regionale allegata, da sottoscrivere a firma congiunta tra il sanitario proponente ed il paziente o suo familiare di riferimento: al fine della necessaria autorizzazione l'Unità Valutativa Multi-Dimensionale del Distretto Sanitario di riferimento provvede ad apposita ed accurata valutazione del caso.

Rimandando alla pagina "U.O.S.D. CURE INTERMEDIE Area L'Aquila" per dettagli ed approfondimenti, in particolare sulla definizione e differenziazione delle strutture eroganti, si puntualizza come le Residenze Protette siano riservate all'ambito assistenziale della cronicità, con offerta di accoglienza a tempo indeterminato comunque soggetta a periodiche rivalutazioni U.V.M. per verifica di appropriatezza, per cui non possono accettare dimissioni "protette" da ospedale in post-acuzie a differenza delle Residenze Sanitarie Assistenziali.

L'ospitalità in R.S.A. è invece autorizzata dalla U.V.M. a tempo determinato, per cui la struttura residenziale, qualora ritenga opportuna/necessaria una proroga dell'accoglienza, deve chiedere al Distretto Sanitario di riferimento apposita rivalutazione U.V.M., clinico-funzionale e sociale, almeno 10 giorni prima della scadenza del periodo autorizzato: la U.V.M. stessa stabilisce quindi la proroga dell'ospitalità o la dimissione dell'utente.

La proposta di accesso in Residenza Socio-Sanitaria (RSA/RP) va indirizzata sempre al Distretto di residenza del paziente: qualora questi sia domiciliato altrove, il Distretto di residenza chiede apposita valutazione "in delega" alla U.V.M. del Distretto nel cui ambito territoriale ricade il domicilio, dovendo poi autorizzare eventualmente l'accoglienza previa condivisione della valutazione stessa e relative conclusioni.

Entro 10 giorni dall'ingresso del paziente, che deve avvenire entro 30 giorni dal rilascio dell'autorizzazione U.V.M., il Responsabile Sanitario della struttura di accoglienza comunica alla U.V.M. autorizzante apposito Piano Assistenziale/Riabilitativo Individuale, predisposto dall'équipe multi-disciplinare interna, per la necessaria approvazione.

Si ricorda infine che l'assistenza residenziale è comunque alternativa a quella domiciliare.

 

 

 

Chi contattare

Personale da contattare: SANTILLI TONIO
Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no

Riferimenti normativi

Decreto del Commissario ad Acta n° 107 del 20.12.2013 "LINEE-GUIDA REGIONALI SULLE ATTIVITA' E SULLE PROCEDURE DI COMPETENZA DEL PUNTO UNICO DI ACCESSO E DELLA UNITà DI VALUTAZIONE MULTI-DIMENSIONALE".

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: non previsto

Allegati

modello proposta MMG/PLS: Scheda-Ammissione-MMG.doc (29/06/2020 - 60 kb - doc) File con estensione doc
modello dimissione protetta: Scheda-Dimissione-Protetta.doc (29/06/2020 - 62 kb - doc) File con estensione doc
Contenuto inserito il 29-06-2020 aggiornato al 30-06-2020
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Via Saragat, località Campo di Pile - - 67100 L'Aquila (AQ)
PEC protocollogenerale@pec.asl1abruzzo.it
Centralino 08623681
P. IVA 01792410662
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza è sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it